Quali sono i sintomi della cervice infiammata

La cervite infiammata, comunemente conosciuta anche come cervicalgia, interessa tutte le vertebre superiori, quelle che sostengonotesta e collo. Sono soprattutto le donne che hanno superato i 45 anni di età a soffrirne, ciò non toglie che anche gli uomini e le persone più giovani possano soffrirne.

Le cause possono essere diverse. La più comune è dovuta da uno stile di vita particolarmente stressante, ma anche dall’artrosi cervicale. I principali rischi sono provocati da una vita sedentaria, dalla tensione psico emotiva, dagli elevati sforzi fisici, da movimenti ripetuti delle braccia, tipici per esempio di alcune professioni oppure sport. Alcune volte invece è dovuto da traumi occasionali, come può essere il colpo di frusta. Alcuni individui poi sono più predisposti per via delle curvature fisiologiche della colonna.

Per quanto riguarda invece la cervice infiammata sintomi, li analizziamo qui sotto. Le persone che ne soffrono riferiscono che il dolore appare in realtà in varie zone di tutta la colonna vertebrale. C’è infatti da valutare dove compare per capire qual è la causa.

Quando le tensioni sono cervicali, si parla di sindrome cervico-cefalica, provoca emicrania, problemi di udito, vertigini, nausea, vomito e anche problemi alla vista. Se il dolore irradia invece alle spalle, le mani e le braccia, si parla di sindrome cervico-brachiale. Tra i sintomi di questa tipologia di cerviceinfiammata troviamo i formicolii, una maggiore sensibilità degli arti e anhce la compressione dei nervi cervicali. C’è poi la cervicalgia vera e propria che invece colpisce soprattutto il collo e provoca rigidità muscolare nonché una certa difficoltà di movimento.

Chi soffre di cervicalgia deve chiaramente rivolgersi al medico per comprenderne le cause. Di solito è consigliato mettere del ghiaccio sulla zona così da ottenere un effetto antidolorifico. Va lasciato posizionato per 10 minuti e l’applicazione va ripetuta all’incirca ogni due ore. Alcuni invece combattono il dolore con il calore. La rigidità muscolare si sciglie con l’apertura dei vasi sanguigni provocata proprio dal caldo. Altre volte il medico può suggerire di alternare calore e freddo.

Se la cervice infiammata ha tra i sintomi anche il mal di testa, allora probabilmente occorre una terapia farmacologica. Ricordatevi che un buon modo per sciogliere le tensioni locali è quello di sottoporsi a dei messaggi specialistici.